Hai il controllo della tua vita o no?

Ciò che maggiormente interessa la vita di ogni noi è il dover decidere o semplicemente capire se stiamo controllando la nostra vita o meno.
Realizzato e fatto il punto della nostra realtà, potremmo capire come e quando intervenire per prendere possesso delle nostre vite senza dipendere da niente e da nessuno. 

Tutto dipende dalle decisioni che prendiamo, qualunque cosa tu decida,  la tua mente cercherà e memorizzerà tutte le soluzioni che supportano la tua scelta utilizzandole volta per volta e caso per caso.


Ma chiediamoci alcune domande preliminari. In che modo le credenze sbagliate si alimentano e diventano più forti e potenti? E poi ancora, perché una mentalità di crescita è tutto, soprattutto per prendere il controllo della propria vita?


Questi sono due fattori che decidono vita di tutti. 
Vittima o artefice del tuo destino?

La scelta spetta solo a noi

 

 

Vittima o artefice della propria vita?

Analizziamo i due scenari.

Se ti reputi una vittima, sicuramente penserai che non ci sia nulla che tu possa fare (nessuna azione da intraprendere) che possa cambiare le cose perché il tuo destino è già stato scritto per te. 

Ma se invece pensi di avere il controllo, sei libero di poter fare delle scelte, potrai agire in modo coerente e soprattutto agire in modo che ciò che vuoi accada.
Ma attenzione, ciò non significa che accadrà sicuramente ciò che vuoi ma senza dubbio hai iniziato a muoverti sul cammino che porta al raggiungimento dei tuoi obiettivi, sei dunque nella giusta direzione.


Quindi, come avrai avuto modo di capire quello che conta è ciò che fai e la stima di te stesso. Credendo in se stessi e agendo verso gli obiettivi prefissati ti scagionerai dall'essere una vittima per diventare l’unico e solo artefice della tua vita.

Il mindset vincente

Tutto parte da se stessi e la stima che si ha di se.
Ma facciamo un esempio.
Siamo a tavola, a colazione. Stai prendendo il cappuccino e la brioche, in tranquillità, all’improvviso, per errore, tua figlia fa cadere la tazza sulla tua camicia pulita appena indossata per andare al lavoro.


La vita ti mette davanti ad un semplice scenario. Il resto della giornata dipende dalla nostra decisione del momento.
Ma torniamo all’esempio.

In questo caso sei di fronte a due modalità di reazione: arrabbiandosi oppure cercare di far scivolare via quanto successo. Ma vediamo le conseguenze dei due casi appena citati.

 

Nel primo caso la giornata prenderà una piega storta per tutta la famiglia. Probabilmente, troppo presi dal litigio, scorderai anche qualcosa di importante per il progetto lavorativo che porti avanti o comunque sarai meno produttivo. Stessa cosa per i tuoi figli a scuola.

Nella seconda ipotesi l’unico effetto che otterrai sarà quello di cimentare i tuoi rapporti con la tua bambina, ed il tuo umore sarà più in linea con i tuoi valori invece che con i tuoi comportamenti.

 Piccole scelte che determinano il modo di gestire la propria vita e tutto il mondo ad essa connesso.

Se non basta forniamo un secondo esempio. 

Se ritieni di essere la persona più intelligente in una data situazione, qualsiasi pensiero, proposta, soluzione che vada contro la tua opinione potrebbe  determinare un tuo malessere interiore. Come se il nostro orgoglio venisse colpito da qualcuno e l’unica cosa che in quel momento penserai sarà come salvare la tua identità.

Se invece di reputarti il più intelligente di quella data situazione, crederai di essere bravo nell'apprendimento e nel migliorare te stesso grazie alle critiche mosse oppure  grazie a qualcuno che ci faccia notare i nostri sbagli, potrai senza dubbio trovare il modo migliore per imparare e diventare una persona migliore.


Questioni di scelta

Per concludere, sono scelte di comportamento, di approccio alla vita. Ed in ultima istanza è una scelta di vita. Vivere per mettersi in gioco, per migliorare e crescere ti permetterà di essere l’artefice del tuo destino e della tua vita.

Rimanere ancorati alle proprie idee, non cercare il confronto e non aver voglia di migliorarsi ti trasformerà col tempo in una vittima: della tua famiglia, del tuo lavoro, della società ed in ultimo della tua stessa vita!

A te la scelta...

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati